Il potere di un sì

Il potere di un sì


il potere di un sì donna energia blog

 

 

 

 

 

 

 

Facciamo subito chiarezza per non incorrere in equivoci: questo articolo non parla di matrimonio; il sì cui mi riferisco è un altro. Diversa la natura, non meno l’importanza.
Gli statunitensi che con le teorie del “power” sono abituati a crescerci, già da diversi anni ne hanno fatto una scuola di pensiero.

Noi italiani, caratterialmente meno sperimentatori, ci stiamo pensando; come dire “si ma….sarà vero”?

Yes power lo definiscono gli americani: il potere del sì, diremmo noi.

Qualche anno fa, precisamente nel 2008, un film comico (Yes Man ndr.) portava sulle scene la storia vera, tratta dal libro autobiografico, di Danny Wallace.

Si racconta di un uomo apatico, deluso e  insoddisfatto della propria vita, privo di quella forza di reazione che è tipica di chi, contro le avversità, s’impegna a fondo perché sa, sogna e spera che supererà gli ostacoli.

Danny Wallace, tra le pagine del libro prima e attraverso le avventure del suo alter ego cinematografico poi, racconta di come e quanto, la sua vita sia straordinariamente cambiata, dal momento in cui decide di “dire sempre si”.

E noi?….a cosa dovremmo dire si? Semplice, alla vita!

Il “sì” di cui parlo, il sì che troppo spesso manca nel nostro “modus operandi”, non è il sì ALL’INCOSCIENZA o ALL’IMPREVEDIBILITÀ detto prescindendo dalle valutazioni di merito.

Il sì di cui parlo è quello di cui abbiamo bisogno per modificare ciò che della nostra vita non ci rende felici, è il sì che rappresenta l’apertura alle opportunità che la vita ci offre e a cui per insicurezza, paura ed incertezza ci chiudiamo.

Quotidianamente mi capita d’imbattermi in persone (ed a volte la persona sono proprio io) che non aprendosi al piccolo cambiamento che deriverebbe dal sì, non affrontano il bellissimo cambiamento che la vita potrebbe loro riservare.

I motivi sono tanti e sono così personali che non potremmo mai avere la presunzione, da esterni, di consigliare il cambiamento.

Il “potere del sì”, la forza che da esso deriva è estremamente personale, così come lo sono i tempi ed i modi per metterlo in pratica.

L’unico suggerimento che possiamo dare è quello di saper essere osservatori delle vite di chi ha saputo osare, ha saputo sperimentare, ha saputo operare un cambiamento e di quel “sì” può farsi portavoce, può essere esempio.

Anche io ho vissuto il mio potere del sì e da quando ne ho “sperimentato” l’adrenalina che si prova ed i risultati che si possono ottenere, sono cambiata, ho cambiato il mio modo di agire, spingendomi sempre un po’ oltre rispetto ai miei limiti, quei limiti che io sola mi sono imposta, vuoi per educazione, per mentalità, per abitudine o per paura.

Dal giorno in cui ho sperimentato, con grande convinzione ed altrettanta paura, il mio sì, tante cose nella mia vita sono cambiate, ho fatto si che cambiassero. Non è sempre facile, anzi, vi potrei dire che spesso, allontanarsi dalla nostra cosiddetta  “comfort zone” – il luogo fisico e/o psicologico in cui ci sentiamo al sicuro, sebbene molto spesso non ci sentiamo felici – è difficile.
Ciò che ci spinge avanti, ci spinge oltre è la voglia di stare meglio, la curiosità di andare a “scoprire” come potrebbe essere al di là di quel muretto che è lì davanti a noi.

Gli esempi che potrei farvi sono tantissimi: esempi relativi alla mia vita ed alla vita di tanti che, come me e più di me, hanno detto il loro “sì, yes!”.
Chi mi conosce sa cosa, come e quanto sia cambiata, quanto io sia più felice; provateci, se non altro – credetemi – sarete persone che non si annoiano mai né da soli, né insieme agli altri.

Se un uomo come Albert Einstein affermava che “follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi” allora noi, che vogliamo ritenerci saggi, possiamo cercare, almeno ogni tanto, di cambiare.

Io mi aspetto ancora tanti sì.
Ispirazioni Mood & Lifestyle , , , , , , , , ,

Informazioni su Simona Letizia Ilardo

Simona Letizia Ilardo nasce a Enna, UmbilicusSiciliae, il 20 Maggio 1974....e qui termina il mio descrivermi in terza persona che fa tanto professionale, ma tanto distaccato. Ho trascorso i primi quindici anni vivendo felicemente tra la Sicilia ed il Friuli ma, soprattutto, viaggiando lungo tutto lo stivale. E’ da qui che nasce una delle mie primissime passioni, quella per i viaggi. La valigia pronta è sinonimo di felicità! Adolescente mi trasferisco, con la famiglia, in provincia di Napoli dove vivo tuttora dichiarando un giorno sì e l’altro pure di non essere ancora nella città in cui voglio vivere. Un grande obiettivo nella vita (non ancora considerato raggiunto) realizzarmi professionalmente! Compito arduo anche perché le passioni che mi travolgono (è il caso di dirlo) conducono, alternativamente, verso le lingue straniere, l’arte, il restauro, l’archeologia, i libri (da leggere e da scrivere) oppure indirizzarsi verso un "lavoro sicuro". Nell'indecisione giovanile, ho scelto di studiare economia ed iniziare da subito a lavorare presso uno studio commerciale prima, presso il mio studio di consulenza fiscale e tributaria poi. Appassionata di diritto mi sono (poi) laureata in Giurisprudenza e accresco di giorno in giorno interessi, passioni e confusione! Alterno con piacere formazione in materie giuridiche e fiscali a materie strettamente legate a ciò che le regala emozioni. E’ così che negli anni divento mediatrice civile e commerciale, studio spagnolo, inglese e francese, mi occupo di formazione in ambito fiscale, programmo viaggi per "incontrare" l’artista in mostra in una determinata città, mi interesso di marketing aziendale, divento una piccola wedding planner, seguo master in diritto tributario e mi iscrivo a corsi di danza caraibica. Non tutto mi riesce alla perfezione (no direi proprio di no), ma l’entusiasmo e la grinta sono sempre al top! Uno dei miei principi ispiratori è in uno dei miei film preferiti: "leggo un po’ di tutto, non si sa mai da dove può venire un’idea geniale"….e io ogni giorno cerco l’idea geniale!

Precedente Cogli l'attimo? Sì, con la consapevolezza delle tue emozioni e motivazioni Successivo Chi ha paura muore ogni giorno. Simbolo, memoria, carattere di un uomo. Il titolo di un libro che non smetto mai di leggere